Impianti di riscaldamento: da Enea le 10 regole, dalla manutenzione all'applicazione delle valvole termostatiche, per risparmiare in bolletta ed evitare multe.

Come ogni anno, tra il 15 ottobre ed il 1° dicembre, iniziano le accensioni degli impianti centralizzati in base alle diverse zone climatiche di appartenenza.

Nello specifico, dallo scorso 15 ottobre è possibile accendere i riscaldamenti nei comuni della zona climatica “E”, di cui fanno parte oltre la metà degli 8.000 Comuni Italiani, tra cui città come Milano, Torino, Bologna, Venezia e zone di montagna con clima più rigido.

 Per aiutare i consumatori a scaldare le proprie abitazioni in maniera più efficiente, evitando bollette troppo alte ed eventuali sanzioni per non essere in regola con le revisioni di legge, l’Enea ha stilato un decalogo dei consigli utili.

La regola n°1 riguarda la sicurezza, ovvero la corretta manutenzione degli impianti, fondamentale per consumare e inquinare meno e per evitare sanzioni. Infatti, un impianto ben regolato e ben manutenuto consuma e inquina meno e chi non effettua la manutenzione prevista dal dpr 74/2013, rischia una multa superiore a 500 euro.

Le 10 regole per gli impianti di riscaldamento

Di seguito il decalogo da seguire per rendere più efficienti gli impianti di riscaldamento ed essere in regola con la normativa:

  1. Effettuare la manutenzione degli impianti
  2. Tenere sotto controllo la temperatura degli ambienti
  3. Fare attenzione alle ore di accensione
  4. Installare pannelli riflettenti tra muro e termosifone
  5. Schermare le finestre durante la notte
  6. Fare il check-up della propria casa
  7. Impianti di riscaldamento innovativi
  8. Evitare ostacoli davanti e sopra i termosifoni
  9. Installare i cronotermostati
  10. Applicare valvole termostatiche

Scarica il decalogo Enea